Audit di parte terza sulla sostenibilità dei fornitori

  • Tra il 2010 e l'inizio del 2011, effettuati Audit di terza parte su 130 fornitori di materie prime e servizi operanti principalmente nei cosiddetti Countries of Concern in cui Pirelli ha sede
  • Il processo di Audit coinvolge un team centrale composto dalle Direzioni Sostenibilità e Acquisti di Gruppo, e le corrispondenti funzioni locali, chhe operativamente gestiscono il processo
  • Pirelli Turchia: nel 2010 ha formato decine di fornitori sul processo di gestione aziendale sostenibile

Con riferimento alla verifica del rispetto delle clausole di sostenibilità da parte dei fornitori, nel periodo compreso tra novembre 2009 e gennaio 2010 sono stati effettuati audit di terza parte su 72 fornitori di Pirelli Tyre, operanti nei cosiddetti Countries of Concern (in base alla classificazione EIRIS) in cui pirelli è presente ovvero Brasile, Argentina, Egitto, Cina, Romania, Turchia, Venezuela, Indonesia, Malesia e Thailandia.
A valle degli audit sono stati sviluppati alcuni piani di rientro rispetto alle non conformità identificate, tutti in via di chiusura a fine 2010.
Degno di nota l’impegno di Pirelli Turchia, che ha formato decine di fornitori sul processo di gestione aziendale sostenibile, in ottica di crescita condivisa.

Ulteriori 58 audit di terza parte sono in programma tra la fine del 2010 e i primi mesi del 2011 in UK, Germania, Italia, Cina, India, America latina, Turchia, Egitto, Romania. Questi 58 audit coprono:

  • il 25% del valore totale degli acquisti da fornitori di servizi nei Paesi occidentali;
  • il 25% del valore totale degli acquisti da fornitori di materie prime nei cosiddetti Countries of concern.

Quanto alle modalità operative, gli audit di terza parte si svolgono sia presso i siti Pirelli, ove i fornitori prestano servizio con personale proprio, sia presso le sedi amministrative degli stessi.
Le interviste per la verifica degli argomenti oggetto di audit coinvolgono sia i lavoratori che i dirigenti responsabili.
A livello centrale, un team composto dalle Direzioni Sostenibilità e Acquisti di Gruppo definisce le linee guida per la selezione dei fornitori da sottoporre ad audit, supportando le corrispondenti funzioni locali che operativamente gestiscono il processo.

Gli audit sono effettuati da una società leader a livello internazionale in materia di servizi di auditing di conformità in ambito Qualità, Salute e Sicurezza, Ambiente e Responsabilità Sociale, in base a una checklist di parametri di sostenibilità fondata sullo standard SA8000®, sulla Politica Responsabilità Sociale per Salute, Sicurezza e diritti nel lavoro, Ambiente e sul Codice Etico di Pirelli, nel rispetto quindi di quanto previsto dalle clausole di sostenibilità di Gruppo sottoscritte dai fornitori medesimi.
I risultati degli audit esperiti tra fine 2010 e inizio 2011 verranno immediatamente analizzati al fine di individuare aree di criticità e/o miglioramento e di predisporre azioni correttive da condividere e sviluppare con i fornitori stessi, secondo un piano di priorità legato alla criticità delle eventuali non conformità rilevate.